La normativa vigente in materia di lavoro disciplina specifici obblighi datoriali in relazione ad una “esposizione deliberata” ovvero ad una “esposizione potenziale” dei lavoratori ad agenti biologici durante l’attività lavorativa. In conseguenza di ciò il datore di lavoro ha l’obbligo di effettuare una “valutazione del rischio” ed “elaborare il DVR” e, se del caso, “integrarlo” con quanto previsto dall’art. 271 del D. Lgs. n.81/2008.

In ottemperanza a quanto affermato dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro in una nota dello scorso 13 marzo, “si ritiene utile, per esigenze di natura organizzativa/gestionale, redigere un piano di intervento o una procedura per un approccio graduale nell’individuazione e nell’attuazione delle misure di prevenzione, basati sul contesto aziendale, sul profilo del lavoratore – o soggetto a questi equiparato – assicurando al personale anche adeguati DPI”.

In ragione di quanto esposto – continua la nota – è consigliabile che il datore di lavoro formalizzi tale azione “con atti che diano conto dell’attenzione posta al problema in termini di misure, comunque adottate ed adottabili dal punto di vista tecnico, organizzativo e procedurale, nonché dei DPI ritenuti necessari, in attuazione delle indicazioni nazionali, regionali e locali delle istituzioni a ciò preposte. Per la tranciabilità delle azioni così messe in campo è opportuno che dette misure, pur non originando dalla classica valutazione del rischio tipica del datore di lavoro, vengano raccolte per costituire un’appendice del DVR a dimostrazione di aver agito al meglio, anche al di là dei precetti specifici del D. Lgs. n. 81/2008”.

Progetto Europa, con i suoi consulenti professionisti, è in grado di supportare le imprese negli adempimenti previsti a salvaguardia e a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori che operano tuttora presso le sedi abituali di lavoro.

 

MODULO DI RICHIESTA INFORMAZIONI

 

Per ulteriori informazioni contatta la segreteria all’indirizzo mail: info@progetto-europa.com